Pasta reale di Mistretta… finalmente… Antonino Testa

Mistretta. Tra i Nebrodi e le Madonie, in quel diniego territoriale che non si conosce mai abbastanza. Così la precisione del viaggio, in mezzo alle buche della disaffezione, mi porta in un paese che agogno da anni e che mai avevo realizzato. Da lontano è il solito fascino siculo-entroterra-tenuto bene che da queste parti è più una regola che un’eccezione. Sfumature di marrone, case mantenute, stradine strette, associazioni culturali resistite ai secoli, botteghe di paese, sguardi scolpiti nella pietra e un’immagine antitetica ad una delle mie due ricerche. La pasta ‘ncaciata qui si fa, nelle case si fa ancora, ma nei ristoranti è praticamente impossibile da trovare. Forse su ordinazione e in determinati giorni, così mi lego al motivo dolce e mi lascio sopraffare dall’assenza di turismo. Mistretta è magnifica perchè parla poco, non ha espropriatori e nemmeno oratori. Rimane fissata da uno sguardo irriconoscente e così smette di adeguarsi e di cercare modernità. Mistretta è uno dei luoghi più importanti della Sicilia, perchè non ha realizzato.

Cercando, cercando, ho provato con il caso del popolo che mangia il popolo. E così mi affido. Entro nel bar di Antonino Testa, foto juventine alle pareti e un piccolo laboratorio dove si fanno quei pochi dolci che ha ancora un senso fare. Lui solo, con il giornale. In attesa che qualcosa definisca la differenza tra ozio e lavoro. E così tira fuori la pasta reale. Rievocazione dei fregi delle architetture del paese, mandorle macinate e zucchero. Senza colori, con qualche chiodo di garofano ad adornare il tutto. In bocca è subito amore, al di là del bilanciamento, dell’ignoranza industriosa che non suscita le domande dei paesani, e dell’abuso del termine pasta reale… territorio, passato e fraudolenza di una Sicilia perduta in dolci atavici e traditi. Ma in alcuni di questi bar, in alcuni di questi paesi smarriti, ci sono alcuni di quei momenti…

PASTICCERIA SPORT

VIA MONTE 2

MISTRETTA (ME)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *